Idropulsore dentale o filo interdentale?

Cosa è il filo interdentale e come usarlo?

Il filo interdentale è un nastro costituito da un insieme di sottili filamenti di nylon o di plastica (teflon o polietilene), usato per rimuovere la placca dentale ed il cibo dai denti.

Il filo è lo strumento per la corretta pulizia degli spazi interdentali stretti, con la gengiva integra. Può essere cerato o non-cerato, e può essere montato su forcelle tendifilo per facilitarne le manovre d’utilizzo. Inoltre, esiste anche di diversi “taste”, ad esempio, al gusto di menta, clorexidina o fluoro.

Il prezzo del filo interdentale è estremamente contenuto, le farmacie e le parafarmacie lo vendono a prezzi che vanno dai 3 euro a salire. Anche attraverso Internet è possibile acquistare il filo interdentale così come altri prodotti per l’igiene orale risparmiando qualcosa.

Dopo aver spazzolato i denti per circa due minuti il filo interdentale, meglio se cerato, va fatto scorrere attraverso il punto di contatto tra dente e dente. E’ molto importante compiere questa operazione con cautela per evitare di andare ad strofinare le gengive e provocarne il sanguinamento.

Si noterà che anche dopo aver spazzolato a lungo e bene i denti verranno fuori dagli spazi interstiziali residui di placca e cibo: è per questo che diventa necessario non fermarsi al solo spazzolamento ma usare anche il filo interdentale o l’idropulsore.

Idropulsore o filo interdentale: cosa scegliere

Il filo interdentale ha delle lacune, che l ’idropulsore è riuscito progressivamente a colmare, come:

  • La capacità di ripulire i denti dai residui di cibo, che si accumulano negli spazi interdentali difficili da raggiungere con un semplice spazzolino;
  • Evita il sanguinamento delle gengive, che il filo interdentale provoca inevitabilmente soprattutto se usato male o con poca cautela;
  • La difficoltà di ripulire lo spazio interdentale in caso di affollamento dentale o per l’uso di apparecchi correttivi ed ortodontici.

Inoltre, nella maggior parte dei casi, anche gli esperti consigliano l’idropulsore rispetto al vecchio filo interdentale.

Negli Usa la Mayo Clinic (organizzazione no-profit per la pratica e ricerca medica) ha esplicitato l’interrogativo: per una buona pulizia dei denti è più efficace l’idropulsore o il filo interdentale? Per Alan Carr, docente di odontoiatria al College of Medicine Mayo Clinic, «un irrigatore orale se usato correttamente può coadiuvare le altre manovre d’igiene, contribuire a rimuovere le particelle di cibo dai denti e potrebbe contribuire a ridurre sanguinamento e malattie gengivali».

In definitiva, una corretta igiene orale prevede l’uso dell’idropulsore orale con l’utilizzo di un buon collutorio dopo i pasti e la sera prima di andare a letto.

Per la salute della nostra bocca andrebbe abolito il fumo, l’abuso di caffè e di bevande superalcoliche. Queste semplici regole ci aiutano a vivere meglio e a sorridere alla vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

MENU